top of page

Er produttore purciaro.



Nel contesto romano, il termine “purciaro” assume una connotazione metaforica che va oltre il significato letterale di un luogo sporco o una persona disordinata.


Viene utilizzato per indicare qualcuno che è tirchio o avaro, cioè una persona che tende a spendere il meno possibile, spesso fino al punto di essere eccessivamente parsimonioso o addirittura meschino.


Nel mondo della produzione video, questa espressione può essere particolarmente rilevante. I videomaker, che sono professionisti della creazione di contenuti visivi, spesso si trovano a negoziare con produttori o produttrici che hanno il controllo del budget. In alcuni casi, questi ultimi possono adottare tattiche discutibili per ridurre i costi, come “mischia le carte”, una metafora che indica l’atto di creare confusione o di manipolare le informazioni a proprio vantaggio.


La situazione descritta evidenzia una dinamica di potere in cui il videomaker deve difendere il proprio lavoro e il proprio valore economico di fronte a chi detiene le redini finanziarie del progetto. Questo può portare a una lotta per il riconoscimento della giusta remunerazione, in cui il videomaker deve spesso giustificare le proprie tariffe e l’importanza di un investimento adeguato per un lavoro di qualità.


In sintesi, l’uso di “purciaro” in questo contesto riflette una tensione comune nel settore creativo, dove l’arte e il commercio si scontrano e i creativi devono navigare tra la passione per il loro mestiere e la necessità di essere equamente compensati.

Comments


bottom of page